Il signore di Troia (Troy vol.1) di David Gemmell

Il signore di Troia (Troy vol.1) di David Gemmell

Ho iniziato questa serie praticamente per caso: non ho mai letto nulla di questo autore che ha scritto tantissimo. In un momento di quasi blocco del lettore, ho pensato di provare a leggere un libro che rileggesse in chiave nuova la mitologia greca e la guerra di Troia. Non più di un mese fa ho letto anche la Torcia di Marion Zimmer Bradley di cui magari vi parlerò più avanti ma che affronta comunque lo stesso tema, o almeno così credevo.

Il signore di Troia è stata una scoperta. Un romanzo scorrevole ma mai banale: la scrittura cattura, la storia peggio, perchè non è mai del tutto uguale alla leggenda conosciuta e legata ai poemi omerici. L’autore aggiunge sempre qualcosa, collega pezzi, intreccia storie … mi ha catturata!

Ho ritrovato i personaggi “famosi” ma non sono mai copie conformi all’originale, anzi: una sfumatura, una direzione imprevedibile della storia, che ho amato.

Per me: 5 stelle!

TRAMA:

Certo non immaginava, il giovane guerriero Elicaonte, mentre con lo sguardo contemplava la costa dei Dardanelli che si allontanava, che quel viaggio avrebbe cambiato la sua vita. Priamo, il re di Troia, lo aveva inviato a Micene, la capitale dei pirati Achei guidati da Agamennone, a prendere la bella Andromaca, che sarebbe andata in sposa a Ettore, figlio maggiore di Priamo, erede al trono e grande amico di Elicaonte. Non immaginava, Elicaonte, che lo sguardo di Andromaca sarebbe stato così irresistibile da risvegliare in lui i ricordi del suo terribile passato, e da spingerlo a tradire la fiducia del suo più caro amico e del suo re. Al suo ritorno a Troia si scatenerà infatti una terribile stagione di rivalità e di lotte intestine, che si concluderanno solo con la conquista del trono da parte di Elicaonte, che chiede agli dei un futuro di pace e prosperità per il suo regno. Ma mentre Troia era dilaniata dalle lotte intestine, dall’altra parte del Mar Egeo, a Micene, Agamennone armava la flotta che porterà i suoi uomini – tra cui il possente Achille e l’astuto Odisseo – sotto le mura di Troia, dando inizio così alla guerra più celebre che la storia ricordi.

Condividi:

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.